Targa d'oro, parola ai protagonisti: Aldo Macario
06/10/2020

Macario e Alassio, oltre le nozze d’oro

Il campione astigiano è da più di 50 anni protagonista della Targa d’oro. Al suo attivo due indimenticabili vittorie

Aldo Macario e la Targa d’Oro: una storia che dura (quasi ininterrottamente) dal 1966. Il campione astigiano, classe 1950, ha al suo attivo tantissime partecipazioni, condite da due vittorie (nel 1995 e nel 2011) e un secondo posto (nel 1983). Se parli di Alassio con Aldo sfondi una porta aperta. Per lui la Targa d’Oro di Alassio è stata, è e sarà “la Gara”. E lui ne è sempre uno dei grandi protagonisti.

La prima volta non si scorda mai… Cosa ricordi del tuo debutto?
“Il mio esordio ad Alassio risale al 1966. Avevo 16 anni e ho partecipato con Mario Riccomagno, Antonio Delmastro e Domenico Marchisio, indossando la casacca della Way Assauto. Io ero ancora una categoria Allievi. Ovviamente ero il più giovane. Delmastro e Marchisio erano di “C”, Riccomagno un “A”. Nella quadretta io avevo il ruolo di bocciatore di testa. Per me era la prima gara importante a livello Senior. Ero parecchio emozionato, ma i miei tre compagni furono eccezionali. Mi incoraggiarono e mi sostennero come solo tre amici possono fare. Come prima volta non andò male: perdemmo nei quarti di finale dai futuri vincitori della gara, la quadretta dell’Italsider Genova composta da Puppo, Gaggero, Molinari e Longo. Quella partita si giocò al bocciodromo di Albenga il lunedì mattina perché il giorno prima si era messo a nevicare e la gara fu sospesa. All’epoca la Targa d’Oro era calendarizzata all’inizio di marzo, non c’erano tutti i bocciodromi di adesso e non si giocava a tempo”.  

Aldo Macario in azione

La quadretta che ha trionfato nel 2011 per i colori liguri della Chiavarese: Macario con Lele Ferrero, Lele Bruzzone e Fabio Bellafronte

Hai vinto due volte ad Alassio. Nel 1995 con Eugenio Bonello, Carlo Pastre e Flavio Avetta per la Tubosider e nel 2011 con Fabio Bellafronte, Emanuele Bruzzone ed Emanuele Ferrero per la Chiavarese Caudera. Quale delle due vittorie ricordi con maggiore piacere?

“Quella del 1995, perché giocavo per una squadra della mia città. Con la Tubosider ho tanti bei ricordi. Bonello è scomparso pochi mesi fa. Era un personaggio, un appassionatissimo di bocce, anche se si era avvicinato tardi a questo sport. Con Paolo Ruscalla ai tempi creò proprio un bell’ambiente alla Tubosider”.

 

Prima delle due vittorie avevi ottenuto un secondo posto. Nel 1983, in una finale disputata in un giorno atipico…

“Sì, fu disputata di venerdì pomeriggio. Anche quell’anno la gara non si riuscì a concludere alla domenica. Io giocavo con Stefano Zunino, Elio Gianotto e Dario Bellotti per Bra. Perdemmo da Marco Musante, Angelo Timossi, Giorgio Repetto, Roberto Granara dell’Andrea Doria. E il giorno dopo la finale c’era la gara a coppie a Ventimiglia…”.

Alassio per te ha sempre un “sapore” particolare…

“Sì, perché quando non si andava per vincere, si andava con gli amici ‘per mangiare i pesci’. E non solo. Ricordo che a cavallo degli anni Sessanta e Settanta si andava ad Alassio anche per mangiare il pinzimonio. Una salsa che ad Asti era molto difficile da trovare e quando si trovava non era certo all’altezza di quella ligure. Mancavano alcune verdure. Mi ricordo che all’Hotel Caprera e all’Hotel Toscana ci facevano sempre trovare un pinzimonio eccezionale. Gianotto ne era ghiotto”.

Macario e alcune vecchie glorie in occasione della Targa Revival 2019

Targa d’oro 2019: il presidente del Colba, Carlo Bruzzone, e le miss con la mitica quadretta composta da Lino Bruzzone, Aldo Macario, Mario Suini e Paolo Notti. Quattro partite vinte e poi il forfait per mancanza di energie…

curriculum completo (a cura della redazione di Bocceinvolo.it)
Tu hai giocato tanto in piazza Partigiani…

“Era bellissimo giocare in quella piazza. I giochi erano delimitati da steccati. Giocare su quella piazza era difficilissimo con i tracciati in salita e in discesa. C’erano giochi in verticale, verso il mare, e in orizzontale, vicino all’imbocco del budello. Mi ricordo il grande pubblico che faceva da cornice ai giochi e il bar all’angolo. Io ho giocato dappertutto, anche sino a Bordighera un anno, ma un fascino come piazza Partigiani non l’ho trovato da nessun’altra parte”.

L’anno scorso hai partecipato alla Targa d’Oro con tre “pezzi da novanta”…

“Sì, con Lino Bruzzone, Paolo Notti e Mario Suini. Per i colori del Nutella Team. Un’esperienza bellisssima. Io ho convinto gli altri tre a partecipare e ho allestito la quadretta. Notti era quattro anni che non prendeva il cartellino. L’ha preso apposta per la “Gara” di Alassio. Abbiamo vinto quattro partite e poi, il sabato sera, abbiamo dovuto dare forfait contro Angelo Cappato-Giovanni Follis-Claudio Gassino-Gabriele Graziano (Andora Bocce). Non avevamo più energie da spendere. Venivamo da quattro sfide intene in cui gli avversari avevano fatto di tutto per metterci in difficoltà, per di più la sera prima abbiamo sfidato le vecchie glorie francesi in una indimenticabile Targa Revival (ad Alassio – è noto – se le studiano tutte, ndr)”. La stessa mitica quadretta Bruzzone-Notti-Suini-Macario, che nel frattempo è arrivata a sommare 300 anni, avrebbe dovuto ripresentarsi ai nastri di partenza della Targa d’Oro 2020 (con la casacca dell’Alassina). Ma poi è arrivato il Covid e le bocce, come tutti gli altri sport, si sono dovute fermare. L’appuntamento è solo rinviato, lo speriamo, al 2021…

Antonella Laurenti

Le altre interviste…

Emanuele Bruzzone

Emanuele Bruzzone

Bruzzone e Alassio, nozze d’argento rinviate... Il debutto di Emanuele, quando era ancora allievo, nel 1990. La prima (e per ora unica) vittoria nel 2011.Il campione varazzino ripercorre le sue molteplici presenze alla Targa d’oroIl quarantaseienne...

Simone Mana

Simone Mana

Un nome, una garanzia Per Simone Mana nel 2013, a 18 anni appena compiuti, il suo primo (e per ora unico) successo nella Targa d’oroDal 2008, quando tredicenne iniziò a frequentare i podi dei campionati italiani con un secondo posto nell'individuale under...

Pier Giovanni Grimaldi

Pier Giovanni Grimaldi

Tre vittorie con tre maglie diverse Biellese, Dlf Asti e Gaglianico le maglie che indossava Pier Giovanni Grimaldi, piemontese arrivato alle bocce dopo aver abbandonato il calcio per infortunio, in occasione dei suoi trionfi alassini, tra il 1988 ed il...

Osvaldo Baudino

Osvaldo Baudino

La tripletta dell'uomo di ghiaccio Classe 1957, nativo di Rivarolo Canavese, il "freddo" Osvaldo Baudino ha messo in bacheca tre edizioni della Targa d'oro. L'esordio a fine anni '70, il primo podio nel 1998, i primi due successi nelle edizioni 1999 e...

Giancarlo Losano

Giancarlo Losano

Un giocatore per tutte le stagioni Dall’esordio del 1979 all’ultima apparizione del 2011, ecco i ricordi delle esperienze alassine del pinerolese Giancarlo Losano, sceso in campo ad Alassio con tante “maglie” diverse. Il suo nome figura tre volte nell’albo...

Albino Cuneo

Albino Cuneo

Agli albori della Targa d’oro Gran colpitore (non a caso denominato il Guglielmo Tell delle bocce), pluridecorato a livello nazionale e internazionale, Albino Cuneo, chiavarese prossimo a compiere 88 anni, ha trionfato in tre delle prime 10 edizioni della...

Mauro Fassone

Mauro Fassone

Fedeltà allo Spiaggia, per non tradire l’amata Targa d’oro Mauro Fassone, vercellese classe 1954, non ha un curriculum ricco come i colleghi già intervistati,eppure ha trionfato tre volte ad Alassio, dove ha debuttato quando era ancora minorenne.Non ha il...

Piero Paletto

Piero Paletto

Paletto, l’artista dell’accosto Il fortissimo puntatore torinese, arrivato anche a disputare più finali iridate (nel 1978 l’Italia perse dalla Francia dopo oltre 7 ore di gioco), ha trionfato tre volte ad Alassio. Nel 1976 fece parte della quadretta...

Giancarlo Selva

Giancarlo Selva

Un tris e un po’ d’amaro... sotto i baffi Per il campione biellese Giancarlo Selva, classe 1936,la Targa d’oro di Alassio, cui ha partecipato una cinquantina di volte da giocatore,è sempre stato un appuntamento imprescindibile. I suoi trionfi risalgano al...

Fabrizio Deregibus

Fabrizio Deregibus

Deregibus ad Alassio, come fare centro al primo colpo Nel 1987, non ancora 21enne, il campione torinese è salito per la prima volta sul gradino più alto del podio della Targa d’oro.Ad oggi i suoi successi sono quattro..."Almeno in una cosa sono pari al...

Nicola Sturla

Nicola Sturla

Quattro successi e una partita di cinque ore… Sono ancora tanti i ricordi (per la maggior parte belli) che il ligure di Lavagna Nicola Sturla, quasi 78enne e 10 titoli mondiali all’attivo, conserva della gara di Alassio. Il periodo d’oro tra il 1973 e il...

Carlo Ballabene

Carlo Ballabene

Il poker del Principe L’atleta di Santa Margherita Ligure, da qualche anno in forza alla Brb Ivrea, è uno dei più “ricercati” dal pubblico di Alassio,dove ha esordito a soli 18 anni, con la maglia dell’Ardita.Quattro volte ha chiuso la Targa d’oro senza...

Franco Benevene

Franco Benevene

Ad Alassio cinque successi e… mezzo Tutti concentrati tra il 1964 e il 1973 i trionfi del torinese Franco Benevene nella Targa d’oro.E se nel 1979 la finale non fosse stata rinviata e non si fosse infortunato...Il torinese Franco Benevene, classe '42 nel...

Lino Bruzzone

Lino Bruzzone

L’irresistibile attrazione del mancino di Sampierdarena Protagonista ad Alassio dal 1962, con sette successi all’attivo,il campionissimo ligure Lino Bruzzone ha tante belle storie da raccontareNon solo occupa le prime posizioni della hall of fame dei più...

Giuseppe Andreoli

Giuseppe Andreoli

Le bocciate a campanile e le scarpe sbagliate… I curiosi aneddoti dell’astigiano Giuseppe Andreoli, sei volte vincitore ad Alassio, la prima nel 1969 con il mitico GranagliaSui campi di Alassio ha scritto pagine indimenticabili, soprattutto a suon di...

Mario Suini

Mario Suini

Non ho dubbi: “E’ la gara più bella” Dieci trionfi ad Alassio, l’ultimo nel 2015 a 45 anni di distanza dal primo, per il campione ossolano Mario Suini “È sicuramente la gara più bella. Ha un fascino particolare. Io ne ho disputate tante, ma Alassio è...

Arrigo Caudera

Arrigo Caudera

I lucidi ricordi del “recordman” Ad Alassio dodici centri e tanti campioni al fianco del torinese Arrigo Caudera, classe 1926, vittorioso per la prima volta nel 1958In un clima di grandi incertezze legate all'emergenza coronavirus, anche le bocce sono...

Pin It on Pinterest

Share This