Targa d'oro, parola ai protagonisti: Giancarlo Selva
16/06/2020

Un tris e un po’ d’amaro… sotto i baffi

Per il campione biellese Giancarlo Selva, classe 1936,
la Targa d’oro di Alassio, cui ha partecipato una cinquantina di volte da giocatore,
è sempre stato un appuntamento imprescindibile. I suoi trionfi risalgano al 1970-71 e ‘79.
Tanti i successi sfiorati. E quella finale del 2002…

Biellese, classe 1936, atletico e scrupoloso negli allenamenti, uno della banda storica delle “old stars” del boccismo nazionale e non solo, due titoli mondiali e 7 italiani, oltre a 310 primi premi, tra i quali 3 conquistati sui campi alassini. Lui è Giancarlo Selva e della Targa d’oro è uno dei protagonisti  più affezionati.

CINQUANTINA – “La gara di Alassio – esordisce – è quella a cui tengo in modo particolare. Penso di averne disputate oltre una cinquantina, perchè la mia prima volta risale al 1958 e l’ultima a una decina di anni fa. Il richiamo è sempre stato forte, ed ogni anno vi torno da appassionato spettatore. Del mio debutto ricordo soltanto che avevo 22 anni, ed ero da poco tornato dal servizio militare. Provenivo dalla Viglianese, ma in quel periodo c’erano stati cambiamenti  a livello societario, e passai alla Biellese. Nonostante fossi un ottimo bocciatore, dote che mi permise di vincere il titolo italiano under 18 nel ’53, il presidente mi disse: abbiamo ingaggiato Bertetti e allora ti mettiamo a fare il secondo puntatore“.

 FASI FINALI – “Prima di arrivare nelle zone alte della gara di Alassio – prosegue Selva – passarono alcuni anni. Dovetti attendere di vestire i colori della Rivodorese per cominciare a sentire il profumo delle fasi finali. Non ricordo esattamente in quali edizioni, ma prima del successo del 1970, arrivai negli ottavi e nei quarti con i due Botto, Vittorio ed Enrico; appresso insieme a Benevene, Suini e Beppe ‘l Matt (Giuseppe Carrera, ndr) ci fermò Gaggero sulla soglia della semifinale. L’anno dopo vinsi la prima Targa. C’era Morelli al posto di Carrera e battemmo in finale Aghem. Fu proprio con Adriano che feci il bis nel ’72. In quella circostanza giocavamo per la Facis di Torino, una delle tante maglie che ho vestito nel corso della mia carriera. I nostri compagni erano Zeppa e Vincenti. Quest’ultimo fu mio socio in quadrette di anni addietro. Rammento soltanto che battemmo agevolmente una formazione del Fiat, arrivata alle battute conclusive senza i favori del pronostico. Probabilmente erano quattro giocatori di categoria B”.

La quadretta composta da Andreoli, Selva, Bragaglia, Granaglia,
vincitrice della Targa d’oro 1979

Selva, primo da sinistra, in occasione della vittoria del 1971 con la Facis Torino

SOFFIO – Da quel momento da parte di Selva inizia la serie di assalti al tris, tutti svaniti a un soffio dalla finale o nella finale stessa. A tal proposito Giancarlo sottolinea: “Viste le presenze in semifinale e finale, sarei dovuto arrivare almeno a quota sei. Alassio l’ho sempre amata, soprattutto quando si giocava in piazza Partigiani, in salita e discesa, con il vento, la pioggia o la neve. Troppo bello. Ma chissà perchè è sempre stata la mia gara più scalognata. Ho perso delle partite incredibili. Proprio l’anno dopo aver conquistato la seconda Targa, stavolta con la maglia della Lancia, ancora insieme ad Aghem, e con Macocco e Mollo, abbiamo affrontato in semifinale la quadretta favorita, quella di Benevene, Cheviet, Baroetto, Caudera. Più volte si è presentata l’occasione di chiudere la partita. L’ultima, sul punteggio di parità e loro punto in terra, avevamo la possibilità di fare partita, con due bocce contro una. Purtroppo Mollo ha fallito sia la bocciata che l’accosto, e Baroetto è riuscito a far entrare la boccia per i due punti decisivi. Ma non è finita. Anno dopo, identica quadretta, ancora sconfitta in semifinale. E qui non c’è molto di che rammaricarsi perché gli avversari erano di caratura mondiale: Giuseppe Andreoli, Nicola Sturla, Mario Suini, Piero Paletto. Gli stessi che mi batterono nuovamente in semifinale, mi sembra nel ’77 o nel ’78, perchè stavolta giocavo per la Tuttobocce. Con me c’erano Clerico, Zeppa e Negro“.

SODDISFAZIONI – ll fine anni Settanta fu particolarmente ricco di soddisfazioni per Giancarlo Selva, non soltanto perchè colse la sua terza Targa d’oro, ma perchè si laureò campione del mondo a coppie nel 1979 e a quadrette nell’ 1980, oltre a cogliere il titolo italiano a quadrette.

A proposito di Alassio – precisa Selva – ho letto quanto ha dichiarato Benevene in merito al successo del ’79 e del mio ingresso solo in finale. Secondo me si è sbagliato: si riferiva ad un’altra gara. Di quella edizione ricordo benissimo che dovetti insistere con Bragaglia perchè non voleva partecipare a causa di un problema alla gamba. Quella gara la giocai dall’inizio alla fine e, pur da secondo puntatore, quando fui chiamato a bocciare almeno tre volte a partita, le colpii tutte. In finale realizzammo 7 punti nell’ultima mano grazie ad una bocciata di Granaglia. Negli anni a seguire, altre maglie e altre sconfitte nei pressi della finale. Due le partite di cui ho un ricordo particolare, ma non le colloco più temporalmente. Sicuramente verso la fine degli anni Ottanta. Con la Coalto di Tonietta, Spinello e Bruatto abbiamo perso nei quarti passando dall’11-2, all’11-13. La stagione successiva, quando vinse la Biellese dei B, con Poratelli, Botta, Grimaldi, Fassone, avremmo potuto disputare una finale tutta targata Biellese, invece con Clerico, Pivotto e Ceresa perdemmo in semifinale dalla quadretta di Bra, che vinse di misura dopo aver colpito sette pallini”.

Alassio 1975: Selva, secondo da sinistra, sotto la pioggia di Alassio, con Bragaglia, Benevene e Granaglia contro il Fiat di Aghem e Macocco

Selva campione del mondo ’79 con Benevene e Granaglia

BIELLESI – Le presenze di Selva ad Alassio sono proseguite puntualmente, sempre sotto le insegne di sodalizi biellesi, tranne nella Targa del 2000, quando con La Perosina di Pastre, Martelli e Cassina, si dovette arrendere nei quarti di finale.

Come ho già detto – conclude Selva – per me Alassio ha sempre costituito un appuntamento inderogabile. Dal 2001 in poi, prima col Gaglianico, poi con Ronchese, Quaregna e La Capannina, ho sempre voluto rivivere l’emozione di questa gara unica nel suo genere. L’ultimo episodio, che fa parte di quella fila di situazioni per le quali avrei potuto raddoppiare i miei successi, si è verificato nel 2002. Insieme a Ramasco, Lucente e Revello, siamo riusciti ad arrivare a disputare la finale contro la Brb dopo aver dato cappotto ad Andreoli. Quando pregustavamo già di poter mettere le mani sulla Targa, grazie ai parziali positivi che ci avevano portato sul 10 a 4, a poco più di mezz’ora dal termine, i miei bocciatori sono andati in tilt e in tre giocate la quadretta di Deregibus, Avetta, Trivellin, Bellazzini ci ha lasciati a quota 10, lasciandomi l’amaro in bocca per un poker che stavo già pregustando”.

 M.T. 

curriculum completo (a cura della redazione di Bocceinvolo.it)

Le altre interviste…

Pier Giovanni Grimaldi

Pier Giovanni Grimaldi

Tre vittorie con tre maglie diverse Biellese, Dlf Asti e Gaglianico le maglie che indossava Pier Giovanni Grimaldi, piemontese arrivato alle bocce dopo aver abbandonato il calcio per infortunio, in occasione dei suoi trionfi alassini, tra il 1988 ed il...

Osvaldo Baudino

Osvaldo Baudino

La tripletta dell'uomo di ghiaccio Classe 1957, nativo di Rivarolo Canavese, il "freddo" Osvaldo Baudino ha messo in bacheca tre edizioni della Targa d'oro. L'esordio a fine anni '70, il primo podio nel 1998, i primi due successi nelle edizioni 1999 e...

Giancarlo Losano

Giancarlo Losano

Un giocatore per tutte le stagioni Dall’esordio del 1979 all’ultima apparizione del 2011, ecco i ricordi delle esperienze alassine del pinerolese Giancarlo Losano, sceso in campo ad Alassio con tante “maglie” diverse. Il suo nome figura tre volte nell’albo...

Albino Cuneo

Albino Cuneo

Agli albori della Targa d’oro Gran colpitore (non a caso denominato il Guglielmo Tell delle bocce), pluridecorato a livello nazionale e internazionale, Albino Cuneo, chiavarese prossimo a compiere 88 anni, ha trionfato in tre delle prime 10 edizioni della...

Mauro Fassone

Mauro Fassone

Fedeltà allo Spiaggia, per non tradire l’amata Targa d’oro Mauro Fassone, vercellese classe 1954, non ha un curriculum ricco come i colleghi già intervistati,eppure ha trionfato tre volte ad Alassio, dove ha debuttato quando era ancora minorenne.Non ha il...

Piero Paletto

Piero Paletto

Paletto, l’artista dell’accosto Il fortissimo puntatore torinese, arrivato anche a disputare più finali iridate (nel 1978 l’Italia perse dalla Francia dopo oltre 7 ore di gioco), ha trionfato tre volte ad Alassio. Nel 1976 fece parte della quadretta...

Fabrizio Deregibus

Fabrizio Deregibus

Deregibus ad Alassio, come fare centro al primo colpo Nel 1987, non ancora 21enne, il campione torinese è salito per la prima volta sul gradino più alto del podio della Targa d’oro.Ad oggi i suoi successi sono quattro..."Almeno in una cosa sono pari al...

Nicola Sturla

Nicola Sturla

Quattro successi e una partita di cinque ore… Sono ancora tanti i ricordi (per la maggior parte belli) che il ligure di Lavagna Nicola Sturla, quasi 78enne e 10 titoli mondiali all’attivo, conserva della gara di Alassio. Il periodo d’oro tra il 1973 e il...

Carlo Ballabene

Carlo Ballabene

Il poker del Principe L’atleta di Santa Margherita Ligure, da qualche anno in forza alla Brb Ivrea, è uno dei più “ricercati” dal pubblico di Alassio,dove ha esordito a soli 18 anni, con la maglia dell’Ardita.Quattro volte ha chiuso la Targa d’oro senza...

Franco Benevene

Franco Benevene

Ad Alassio cinque successi e… mezzo Tutti concentrati tra il 1964 e il 1973 i trionfi del torinese Franco Benevene nella Targa d’oro.E se nel 1979 la finale non fosse stata rinviata e non si fosse infortunato...Il torinese Franco Benevene, classe '42 nel...

Lino Bruzzone

Lino Bruzzone

L’irresistibile attrazione del mancino di Sampierdarena Protagonista ad Alassio dal 1962, con sette successi all’attivo,il campionissimo ligure Lino Bruzzone ha tante belle storie da raccontareNon solo occupa le prime posizioni della hall of fame dei più...

Giuseppe Andreoli

Giuseppe Andreoli

Le bocciate a campanile e le scarpe sbagliate… I curiosi aneddoti dell’astigiano Giuseppe Andreoli, sei volte vincitore ad Alassio, la prima nel 1969 con il mitico GranagliaSui campi di Alassio ha scritto pagine indimenticabili, soprattutto a suon di...

Mario Suini

Mario Suini

Non ho dubbi: “E’ la gara più bella” Dieci trionfi ad Alassio, l’ultimo nel 2015 a 45 anni di distanza dal primo, per il campione ossolano Mario Suini “È sicuramente la gara più bella. Ha un fascino particolare. Io ne ho disputate tante, ma Alassio è...

Arrigo Caudera

Arrigo Caudera

I lucidi ricordi del “recordman” Ad Alassio dodici centri e tanti campioni al fianco del torinese Arrigo Caudera, classe 1926, vittorioso per la prima volta nel 1958In un clima di grandi incertezze legate all'emergenza coronavirus, anche le bocce sono...

Pin It on Pinterest

Share This