Targa d'oro, parola ai protagonisti: Emanuele Bruzzone
05/12/2020

Bruzzone e Alassio, nozze d’argento rinviate…

Il debutto di Emanuele, quando era ancora allievo, nel 1990. La prima (e per ora unica) vittoria nel 2011.
Il campione varazzino ripercorre le sue molteplici presenze alla Targa d’oro

Il quarantaseienne varazzino Emanuele Bruzzone, pluridecorato a livello nazionale internazionale, con l’edizione del 2020 avrebbe celebrato le sue nozze d’argento (25 partecipazioni) con la Targa d’Oro. E lo avrebbe fatto insieme ai soci di quadretta dell’anno precedente, vale a dire Luca Cicchero, Mauro Roggero e Giacomo Vernazza. Un 2020 in cui il campione savonese ha conquistato un inatteso scudetto con la nuova maglia (rossa anche questa come quella della Brb, con cui aveva chiuso il rapporto a fine della scorsa stagione) del Gaglianico.

Ma veniamo alla Targa d’oro…

Prima volta “Io e quelli che sarebbero stati i miei soci manteniamo l’iscrizione – precisa Emanuele –, in attesa di assaporare nuovamente questo appuntamento a cui non si può rinunciare. Io ricorderò sempre la mia prima volta ad Alassio, sicuramente la più bella, perché, al primo anno della categoria Allievi (era il 1990, ndr), giocavo con mio padre Antonio, mio zio Gibì e Giacomo Vernazza, con la maglia della San Nazario Varazze, la società in cui sono cresciuto. Perdemmo alla sera dopo cena. Così come non dimenticherò mai la prima volta in cui potei giocare nella mitica Piazza Partigiani. Era il 1996, si trattava della mia seconda apparizione ad Alassio, e la maglia era quella dell’Albisola, insieme a Mauro Lavagna, Bonifacino e Dabove. Che emozioni!“.

Dopo l’esperienza savonese, Bruzzone si prese un periodo “sabbatico”, per approdare nel 1998 (anno della terza Targa d’oro della sua carriera, da allora non ha più mancato un’edizione) al Val Merula del presidente Oreste Garrione e sotto quelle insegne vincere il titolo italiano a terne di B con Artioli e Pesce. Nel club andorese militò sino al 2006 con alterni risultati nel massimo campionato.

L’abbraccio di Bruzzone con Bunino non appena lo scudetto 2020 è diventato realtà

Emanuele Bruzzone in accosto con la tradizionale tenuta rossa della Brb Ivrea

Val Merula – “E con quella maglia è iniziata – aggiunge Emanuele – l’ininterrotta partecipazione alla Targa d’Oro. Non ho più saltato un’edizione. Nella striscia di presenze con la maglia del Val Merula però non sono mai riuscito ad arrivare nei quarti. Difficile ricordare i piazzamenti, mentre rammento i compagni di quadrette, a partire da Tocisne, Garrione e Pautassi, a seguire con Ariatello, Cicchero, Castellino, per due anni, ma alternati, e ancora Tocisne e Garrione con Musante. Negli ultimi due anni andoresi con Ferraro, Scorsa, Piccardo e poi Garrione, Agnesini, Cicchero: era il 2005 e perdemmo il sabato sera“.  

A fine stagione Bruzzone venne ingaggiato dalla Chiavarese e con il club tigullino rinnovò un altro sessennio. E come lo stesso Emanuele sottolinea: “Il primo tentativo alassino con quella maglia, insieme a Musante, Micheli e Pettenati, si esaurì anzitempo dopo un paio di partite”.

Boccone amaro – “L’anno successivo sfiorammo l’ingresso al podio. La domenica mattina faceva un freddo cane, con vento forte. Al posto di Musante c’era Cappato. Perdemmo dalla Voltrese una partita diabolica. Per due volte non sfruttammo il vantaggio consistente ed arrivammo, se non vado errato, sul 9 pari. Io salvai la giocata successiva annullando sul pallino, ma fallii il secondo tentativo. Altro boccone amaro nel 2008. Stavolta i miei soci erano Paolo Ballabene, Andrea Bellafronte e Giancarlo Scorsa. Fummo costretti ad arrenderci nei quarti di finale, alla Tubosider di Carlo Ballabene, Gamba, Negro e Ruscalla. Abbiamo sempre inseguito, sino a raggiungerli sul pari grazie ad una mano con quattro bocciate nel quadro ed una ferma al posto di Bellafronte, con l’ultima. Nella giocata supplementare con tre bocce in mano contro una, e punto in terra per loro, Paolo non è riuscito a togliere con le sue; ci sono riuscito io, ma Negro ha colpito per vincere“.

Dopo il doppio tentativo esaurito sulla soglia del podio, le due partecipazioni successive si sono concluse prima dei quarti di finale. Sia con la quadretta che lo vedeva affiancato a Ballabene, Valle e Tassano, sia nel 2010 con Fabio Bellafronte, Basilietti e Lituri, sconfitti nella quarta partita contro La Perosina di Manzo, Calvetti, Cavagnaro, Carrera.

La quadretta che ha conquistato la Targa d’oro 2011

La finale del 2011 davanti alla solita grande cornice di pubblico

Anno speciale – “Il 2011 – prosegue Bruzzone – è stato per me un anno speciale. Non solo perché sono riuscito finalmente a mettere le mani sulla Targa, ma anche perché è nata mia figlia, mi sono fregiato del  titolo italiano di combinato, ho conquistato la medaglia di bronzo, ancora nel combinato, nel Mondiale di Feltre, ed ho vinto il primo Trofeo Granaglia. Tornando alla gara alassina, quando vedi certi segnali, ti rendi conto che sei destinato a vincere. Stavolta i miei soci erano Bellafronte, Macario e Ferrero. Negli ottavi abbiamo trovato la Brb di Avetta, Birolo, Deregibus e Grosso. Partita al cardiopalmo. Noi sempre avanti, siamo arrivati all’ultima giocata sull’11 a 10. Dopo aver fallito l’annullo sul pallino, li abbiamo lasciati con tre bocce in mano contro una. Ci siamo guardati se era il caso di stringere loro la mano, ma Aldo ha deciso di giocarsela, e pure bene. A quel punto Avetta ha sbagliato la sua prima bocciata della partita e Deregibus con la seconda ha carambolato, lasciandoci il punto. Facile la partita dei quarti contro La Familiare di Alessandria. L’incontro più bello, quello di semifinale con la Nosenzo. Si è giocato punto su punto. Sul loro vantaggio a poche giocate dalla fine, ho colpito il pallino. Al contrario, loro non sono riusciti ad annullare nella mano che ci ha portato in parità. Mi sembra 10 a 10. Nell’ultimo tiro i due Negro hanno fallito tre bocciate su quattro ed è stato per loro fatale. In finale con la Nitri si è giocato ad alto livello. Loro hanno avuto una grossa opportunità di raggiungerci in una mano che avevano punto in terra e cinque bocce in mano. L’hanno sciupata, facendo mi sembra pochi punti, e nella giocata successiva abbiamo trovato il punto del successo. Era destino“.

Soddisfazioni – Dopo aver chiuso il campionato con la Chiavarese, Bruzzone è stato ingaggiato dalla Brb. E sono arrivati il titolo italiano a quadrette, quello europeo di combinato, due scudetti, l’oro mondiale a coppie, nuovamente l’europeo di combinato, e ancora un titolo iridato a coppie.

Anni di grosse soddisfazioni – ha sottolineato Emanuele – mentre le gare di Alassio si sono susseguite in maniera alterna. Nel 2013, con Carlo Ballabene, Grosso e Bellazzini, abbiamo perso nei quarti dal Gaglianico di Doria. L’anno successivo con Paolo Ballabene, Cicchero e Vernazza, dopo aver superato La Perosina di Nari negli ottavi, grazie ad una partita perfetta, ci siamo dovuti arrendere al Saint Vulbas in semifinale. Brutta l’edizione 2015. Con la stessa quadretta abbiamo perso la prima alla Fenarina. Appresso, in compagnia di Paolo Ballabene, Ferrero e Vernazza, lo stop è avvenuto negli ottavi per mano del Masera di Griva. Identico l’esito del 2017: stavolta con Bellafronte, Cicchero, Vernazza, ci ha fermato la quadretta del Rumilly. E il ritornello delle sconfitte negli ottavi si è ripetuto nelle ultime due edizioni andate in scena. Nel 2018 vittime del Forno di Janzic, Griva, Opresnik e Grivetto; insieme a Cicchero, Dondero e Vernazza, sono arrivato sul campo la domenica mattina, con la concentrazione sotto i piedi perché uscito dall’albergo, ho scoppiato il lunotto posteriore dell’auto a causa della telecamera che non mi ha inquadrato un balconcino basso. Quell’anno mi sono consolato con l’oro europeo di combinato. Al contrario, nel 2019, ci siamo espressi ad altissimo livello ancora contro Rumilly. Decisivo l’ultimo tiro. Sul 7-4 loro hanno chiuso colpendo il pallino“.

M.T.

curriculum completo
(a cura della redazione di Bocceinvolo.it)

Estate 2019: Bruzzone, testimonial del Colba,
con una delle aspiranti Miss Beach Bocce di Alassio

Sui campi del Palaravizza, in maglia Brb, in occasione di una recente Final Four

Bruzzone in maglia azzurra all’Europeo 2018 di Alassio, dove ha conquistato la medaglia d’oro nel combinato

Le altre interviste…

Simone Mana

Simone Mana

Un nome, una garanzia Per Simone Mana nel 2013, a 18 anni appena compiuti, il suo primo (e per ora unico) successo nella Targa d’oroDal 2008, quando tredicenne iniziò a frequentare i podi dei campionati italiani con un secondo posto nell'individuale under...

Aldo Macario

Aldo Macario

Macario e Alassio, oltre le nozze d’oro Il campione astigiano è da più di 50 anni protagonista della Targa d’oro. Al suo attivo due indimenticabili vittorieAldo Macario e la Targa d’Oro: una storia che dura (quasi ininterrottamente) dal 1966. Il campione...

Pier Giovanni Grimaldi

Pier Giovanni Grimaldi

Tre vittorie con tre maglie diverse Biellese, Dlf Asti e Gaglianico le maglie che indossava Pier Giovanni Grimaldi, piemontese arrivato alle bocce dopo aver abbandonato il calcio per infortunio, in occasione dei suoi trionfi alassini, tra il 1988 ed il...

Osvaldo Baudino

Osvaldo Baudino

La tripletta dell'uomo di ghiaccio Classe 1957, nativo di Rivarolo Canavese, il "freddo" Osvaldo Baudino ha messo in bacheca tre edizioni della Targa d'oro. L'esordio a fine anni '70, il primo podio nel 1998, i primi due successi nelle edizioni 1999 e...

Giancarlo Losano

Giancarlo Losano

Un giocatore per tutte le stagioni Dall’esordio del 1979 all’ultima apparizione del 2011, ecco i ricordi delle esperienze alassine del pinerolese Giancarlo Losano, sceso in campo ad Alassio con tante “maglie” diverse. Il suo nome figura tre volte nell’albo...

Albino Cuneo

Albino Cuneo

Agli albori della Targa d’oro Gran colpitore (non a caso denominato il Guglielmo Tell delle bocce), pluridecorato a livello nazionale e internazionale, Albino Cuneo, chiavarese prossimo a compiere 88 anni, ha trionfato in tre delle prime 10 edizioni della...

Mauro Fassone

Mauro Fassone

Fedeltà allo Spiaggia, per non tradire l’amata Targa d’oro Mauro Fassone, vercellese classe 1954, non ha un curriculum ricco come i colleghi già intervistati,eppure ha trionfato tre volte ad Alassio, dove ha debuttato quando era ancora minorenne.Non ha il...

Piero Paletto

Piero Paletto

Paletto, l’artista dell’accosto Il fortissimo puntatore torinese, arrivato anche a disputare più finali iridate (nel 1978 l’Italia perse dalla Francia dopo oltre 7 ore di gioco), ha trionfato tre volte ad Alassio. Nel 1976 fece parte della quadretta...

Giancarlo Selva

Giancarlo Selva

Un tris e un po’ d’amaro... sotto i baffi Per il campione biellese Giancarlo Selva, classe 1936,la Targa d’oro di Alassio, cui ha partecipato una cinquantina di volte da giocatore,è sempre stato un appuntamento imprescindibile. I suoi trionfi risalgano al...

Fabrizio Deregibus

Fabrizio Deregibus

Deregibus ad Alassio, come fare centro al primo colpo Nel 1987, non ancora 21enne, il campione torinese è salito per la prima volta sul gradino più alto del podio della Targa d’oro.Ad oggi i suoi successi sono quattro..."Almeno in una cosa sono pari al...

Nicola Sturla

Nicola Sturla

Quattro successi e una partita di cinque ore… Sono ancora tanti i ricordi (per la maggior parte belli) che il ligure di Lavagna Nicola Sturla, quasi 78enne e 10 titoli mondiali all’attivo, conserva della gara di Alassio. Il periodo d’oro tra il 1973 e il...

Carlo Ballabene

Carlo Ballabene

Il poker del Principe L’atleta di Santa Margherita Ligure, da qualche anno in forza alla Brb Ivrea, è uno dei più “ricercati” dal pubblico di Alassio,dove ha esordito a soli 18 anni, con la maglia dell’Ardita.Quattro volte ha chiuso la Targa d’oro senza...

Franco Benevene

Franco Benevene

Ad Alassio cinque successi e… mezzo Tutti concentrati tra il 1964 e il 1973 i trionfi del torinese Franco Benevene nella Targa d’oro.E se nel 1979 la finale non fosse stata rinviata e non si fosse infortunato...Il torinese Franco Benevene, classe '42 nel...

Lino Bruzzone

Lino Bruzzone

L’irresistibile attrazione del mancino di Sampierdarena Protagonista ad Alassio dal 1962, con sette successi all’attivo,il campionissimo ligure Lino Bruzzone ha tante belle storie da raccontareNon solo occupa le prime posizioni della hall of fame dei più...

Giuseppe Andreoli

Giuseppe Andreoli

Le bocciate a campanile e le scarpe sbagliate… I curiosi aneddoti dell’astigiano Giuseppe Andreoli, sei volte vincitore ad Alassio, la prima nel 1969 con il mitico GranagliaSui campi di Alassio ha scritto pagine indimenticabili, soprattutto a suon di...

Mario Suini

Mario Suini

Non ho dubbi: “E’ la gara più bella” Dieci trionfi ad Alassio, l’ultimo nel 2015 a 45 anni di distanza dal primo, per il campione ossolano Mario Suini “È sicuramente la gara più bella. Ha un fascino particolare. Io ne ho disputate tante, ma Alassio è...

Arrigo Caudera

Arrigo Caudera

I lucidi ricordi del “recordman” Ad Alassio dodici centri e tanti campioni al fianco del torinese Arrigo Caudera, classe 1926, vittorioso per la prima volta nel 1958In un clima di grandi incertezze legate all'emergenza coronavirus, anche le bocce sono...

Pin It on Pinterest

Share This