Targa d'oro, parola ai protagonisti: Arrigo Caudera
23/04/2020

I lucidi ricordi del “recordman”

Ad Alassio dodici centri e tanti campioni al fianco del torinese Arrigo Caudera, classe 1926, vittorioso per la prima volta nel 1958

In un clima di grandi incertezze legate all’emergenza coronavirus, anche le bocce sono state costrette ad arrendersi e a sospendere ogni tipo di atttività. A farne le spese è stata pure la 67^ edizione della Targa d’Oro Città di Alassio, la gara più partecipata, più prestigiosa ed amata dagli appassionati della specialità volo, che avrebbe dovuto celebrarsi nel weekend  del 4 e 5 aprile. In attesa di poterne rivivere le magiche emozioni, cerchiamo di mantenerne viva almeno l’atmosfera, in una sorta di messaggio di speranza, attraverso la narrazione ordinata delle vicende e degli aneddoti legati ai protagonisti più significativi.

RECORD – E non potevamo non iniziare con il detentore di record di successi, ben dodici, Arrigo Caudera. Torinese, classe 1926, vinse la sua prima Targa nell’edizione 1958, insieme a Carrera, Baroetto e Bertetti. “Giocavamo per la Sis di Torino – sottolinea – e bissammo il successo l’anno successivo. Guido Chianale aveva sostituito Bertetti. Al termine della finale vinta contro la Colombo di Genova, il presidente della commissione tecnica Aurelio Balocco, disse pubblicamente, tutti bravi, ma soprattutto Caudera. Ovviamente i ricordi relativi alla Targa sono talmente tanti che è difficile stilarne una graduatoria. Nel ’64, quando battemmo la quadretta francese di Cheviet, nevicava. Fu la prima esperienza con Granaglia e con la maglia della Pianelli. Con Berto facemmo tripletta : 1967, 1968 e 1969. Non mancarono gli episodi negativi. Ad esempio nel ’71 con Suini, Benevene e Cheviet, perdemmo la prima partita da quattro giocatori di categoria C. C’era un terreno in pendenza, con tanta ghiaia… Curioso, per un primo puntatore come me, l’epilogo della semifinale del ’73 contro la squadra di Macocco. I miei soci esaurirono tutte le bocce , fallendo un paio di doppietti; restai con due bocce in mano e con l’ultima colpii il pallino salvezza fra gli applausi del pubblico“.

Arrigo Caudera, terzo da sinistra, in una quadretta con altri grandi protagonisti della Targa d’oro: Baroetto, Suini e Aghem (anno 1989, archivio Bocceinvolo.it)

CASSETTI – Nel cercare di aprire altri cassetti della memoria, Caudera si sofferma sui compagni di tante partite, e precisa : “Ognuno aveva delle caratteristiche diverse. A parte l’ineguagliabile Granaglia, ho trovato in Aldo Baroetto il socio più idoneo a fare da collante in una quadretta; Mario Suini il giocatore dal rendimento più alto; Lino Bruzzone era in grado di aiutarti in determinate situazioni, al contrario di Nicola Sturla, dal carattere più chiuso, grande individualista“.

M.T.

 

curriculum completo (a cura della redazione di Bocceinvolo.it)

Leggi l’articolo su Gazzetta.it e Federbocce.it

Le altre interviste…

Carlo Ballabene

Carlo Ballabene

Il poker del Principe L’atleta di Santa Margherita Ligure, da qualche anno in forza alla Brb Ivrea, è uno dei più “ricercati” dal pubblico di Alassio,dove ha esordito a soli 18 anni, con la maglia dell’Ardita.Quattro volte ha chiuso la Targa d’oro senza...

Franco Benevene

Franco Benevene

Ad Alassio cinque successi e… mezzo Tutti concentrati tra il 1964 e il 1973 i trionfi del torinese Franco Benevene nella Targa d’oro.E se nel 1979 la finale non fosse stata rinviata e non si fosse infortunato...Il torinese Franco Benevene, classe '42 nel...

Lino Bruzzone

Lino Bruzzone

L’irresistibile attrazione del mancino di Sampierdarena Protagonista ad Alassio dal 1962, con sette successi all’attivo,il campionissimo ligure Lino Bruzzone ha tante belle storie da raccontareNon solo occupa le prime posizioni della hall of fame dei più...

Giuseppe Andreoli

Giuseppe Andreoli

Le bocciate a campanile e le scarpe sbagliate… I curiosi aneddoti dell’astigiano Giuseppe Andreoli, sei volte vincitore ad Alassio, la prima nel 1969 con il mitico GranagliaSui campi di Alassio ha scritto pagine indimenticabili, soprattutto a suon di...

Mario Suini

Mario Suini

Non ho dubbi: “E’ la gara più bella” Dieci trionfi ad Alassio, l’ultimo nel 2015 a 45 anni di distanza dal primo, per il campione ossolano Mario Suini “È sicuramente la gara più bella. Ha un fascino particolare. Io ne ho disputate tante, ma Alassio è...

Pin It on Pinterest

Share This