Targa d'oro, parola ai protagonisti: Carlo Ballabene
26/05/2020

Il poker del Principe

L’atleta di Santa Margherita Ligure, da qualche anno in forza alla Brb Ivrea, è uno dei più “ricercati” dal pubblico di Alassio,
dove ha esordito a soli 18 anni, con la maglia dell’Ardita.
Quattro volte ha chiuso la Targa d’oro senza sconfitte, l’ultima – per ora – nel 2016…

Dopo cinque colonne del Partenone alassino, nonché cinque mitici esponenti del boccismo, incontriamo il numero uno degli attuali fuoriclasse: Carlo Ballabene, classe 1970, una scheda da paura (7 titoli mondiali, 6 europei, 28 italiani, 14 scudetti, 6 record mondiali, 12 coppe Europa, 12 coppe Italia). In una trentina di partecipazioni alla Targa d’Oro, è riuscito a collezionare quattro successi.

IL CICLISTA – “Ero ancora allievo – esordisce il ligure di Santa Margherita – quando debuttai ad Alassio. Se non vado errato era il 1988. Giocavo per l’Ardita Juventus di Nervi, dove sono cresciuto boccisticamente, ed abbiamo partecipato con una quadretta composta da me, da Renzo Giordan, Marco Barisone e Claudio Madella. Di quella edizione ho un ricordo particolare. La sera del sabato abbiamo incontrato una delle quadrette favorite, la Biellese di Clerico, Ceresa, Selva, Pivotto, sui campi di piazza Partigiani. Verso lo scadere del tempo loro vincevano 9 a 8, ed io avevo colpito in maniera esagerata, con annulli sul pallino, carreaux, ferme. E Clerico, non so se per innervosirmi, vista la mia età, o per il suo modo di fare, ogni tanto si rivolgeva ai tifosi suoi sostenitori, dandomi del ciclista. Subito pensai mi ritenesse sampdoriano, invece si riferiva al fatto che fossi veloce nel muovermi in partita. Comunque, alla fine del tempo regolamentare, per chiudere il confronto, a Clerico capitò la possibilità di annullo sul pallino, quasi al massimo. Ma non c’era luce; il buio incombeva. Allora prese un pezzetto di legno bianco e lo depose a fianco del pallino, per avere miglior riferimento. Cosa che fece innervosire Giordan, il quale polemizzando andò a toglierlo. Finì con Clerico che partì ugualmente e disintegrò il pallino“.

Un esordio assai curioso per il “principe” Carlo che allora iniziava a studiare da re. La sue presenze successive furono targate Veloce Club, la società da cui venne ingaggiato dopo La Boccia Acqui.

Targa d’oro 2016. La Brb Ivrea di Ballabene con le coppie che si sono aggiudicate la Targa Rosa e la Targa Junior

LUNGA PERMANENZA – “Di quelle edizioni, sino al 1995 – sottolinea Ballabene – ho ricordi molto vaghi. Ci avvicinammo al podio, prima con Vottero, Canetti, Pautasso, poi con Dante Amerio, Brignone e Ferrero. L’anno successivo iniziò la mia lunga permanenza nella società che si chiamò Ferrero Caudera e con quella maglia disputai una dozzina di gare ad Alassio. Per arrivare ad una finale, occorre andare al 1998. Con Caudera, Suini e Repetto perdemmo il confronto conclusivo dalla squadra di Aghem, il Dopolavoro Ferroviario Asti. Una bella partita, assai intensa, con Adriano che colpì diversi pallini determinanti.  Tentativi di arrivare in fondo si susseguirono, con diversi compagni di quadretta. Delle prime  edizioni del Duemila, ricordo le sfide con la Brb. Sia nel 2000, insieme a Caudera, mio fratello Paolo ed Enzo Granaglia, perdemmo negli ottavi, e nel 2001, stavolta con Notti, Bruzzone, Sturla, ci fermammo nei quarti, sempre contro un Avetta in versione bombardiere. L’anno appresso fu quello della diabolica sfida, ancora contro la Brb, negli ottavi. Con quell’episodio dell’espulsione di Bruzzone, e la successiva uscita di Sturla, ed io e Caudera a difendere il risultato di parità con quattro bocce contro otto. I miei cinque annulli sul pallino ci consentirono di tenere il confronto in bilico, ma allo scadere del tempo fummo costretti ad arrenderci. Fu una esperienza inusuale. Nel 2003, il primo trionfo nella Targa d’Oro. Con Caudera, Bruzzone e Suini compimmo un percorso senza grosse difficoltà. Così come la sfida finale contro la Tubosider di Amerio. Se non erro loro riuscirono a evitare il cappotto per un punto“.

 

Fu quello il periodo più felice e fruttuoso per Ballabene, protagonista più ricercato dagli appassionati, sui campi della Targa d’Oro.

LA PIU’ FORTE  – “Nel 2006 – prosegue “Carlomagno” – arrivò il bis, stavolta in compagnia di Bruzzone, Perras e Suini, quella che ritengo essere la formazione più forte con cui ho giocato ad Alassio. Ciò che mi sovviene di quella edizione, è che nel corso di tutta la gara le nostre avversarie fecero se non erro 14 punti; qualcosa come neppure 2 punti a partita. Però, al di là del punteggio, fu una finale tutt’altro che facile. Sempre molto equilibrata. La Chierese ci tenne sulle spine sino a una decina di minuti dal termine. All’inizio colpirono diversi pallini. Dal 2007 al 2009 partecipai con la Tubosider Asti, disputando due finali. La prima, con Gamba, Negro, Ruscalla, la perdemmo dalla Sassi nel bocciodromo di Albenga a causa di pioggia e vento. Una partita nata storta.  Ricordo solo che colpii un pallino da 5 punti che ci permise di passare in vantaggio, ma subito dopo loro trovarono 4 punti, su una giocata al massimo del quadro. La seconda invece, sempre con gli stessi soci, cogliemmo il successo contro una quadretta della Valle d’Aosta. Non andò per il verso giusto l’anno dopo. Ci fermammo molto prima delle semifinali“.

Carlo Ballabene con il fratello Paolo con la maglia tricolore di campione d’Italia a coppie

Ballabene con la maglia azzurra,
con cui ha vinto 7 titoli iridati

Ed eccoci al 2010: inizia la lunga serie con i colori della Brb. Un tragitto che avrebbe dovuto regalare a Carlo qualche soddisfazione in più, e che invece si è protratto a fasi alterne. Come sottolinea lui stesso.

CAPPATO E FRECCERO – “La prima finale siamo riusciti a disputarla nel 2012 contro la formazione di Carlo Bresciano. Sia noi che loro abbiamo avuto l’opportunità di chiudere il match in anticipo, ma non le abbiamo sfruttate. Poi nella giocata supplementare loro hanno tolto punto con l’ultima. Ho dovuto aspettare il 2016 per fare poker, con Grosso, Deregibus e Luca Andreoli. Di quella edizione ricordo non tanto la finale, anche se ho fallito una sola bocciata su una ventina, quanto il confronto dei quarti  contro la quadretta di Cappato e Freccero. Abbiamo rischiato di brutto. Noi siamo partiti male, ma loro giocavano meglio a punto. Tant’è che sono arrivati in vantaggio, mi sembra per 8-0. Fortunatamente abbiamo recuperato , sino a passare a condurre. Ma sul finire ci hanno ancora messo in difficoltà ed è stato provvidenziale un mio carreaux. Sulle Targhe più recenti meglio stendere un velo. A quella dello scorso anno non ho potuto partecipare a causa di una broncopolmonite. Spero di rifarmi a settembre…“.

 

M.T.

curriculum completo (a cura della redazione di Bocceinvolo.it)

Le altre interviste…

Emanuele Bruzzone

Emanuele Bruzzone

Bruzzone e Alassio, nozze d’argento rinviate... Il debutto di Emanuele, quando era ancora allievo, nel 1990. La prima (e per ora unica) vittoria nel 2011.Il campione varazzino ripercorre le sue molteplici presenze alla Targa d’oroIl quarantaseienne...

Simone Mana

Simone Mana

Un nome, una garanzia Per Simone Mana nel 2013, a 18 anni appena compiuti, il suo primo (e per ora unico) successo nella Targa d’oroDal 2008, quando tredicenne iniziò a frequentare i podi dei campionati italiani con un secondo posto nell'individuale under...

Aldo Macario

Aldo Macario

Macario e Alassio, oltre le nozze d’oro Il campione astigiano è da più di 50 anni protagonista della Targa d’oro. Al suo attivo due indimenticabili vittorieAldo Macario e la Targa d’Oro: una storia che dura (quasi ininterrottamente) dal 1966. Il campione...

Pier Giovanni Grimaldi

Pier Giovanni Grimaldi

Tre vittorie con tre maglie diverse Biellese, Dlf Asti e Gaglianico le maglie che indossava Pier Giovanni Grimaldi, piemontese arrivato alle bocce dopo aver abbandonato il calcio per infortunio, in occasione dei suoi trionfi alassini, tra il 1988 ed il...

Osvaldo Baudino

Osvaldo Baudino

La tripletta dell'uomo di ghiaccio Classe 1957, nativo di Rivarolo Canavese, il "freddo" Osvaldo Baudino ha messo in bacheca tre edizioni della Targa d'oro. L'esordio a fine anni '70, il primo podio nel 1998, i primi due successi nelle edizioni 1999 e...

Giancarlo Losano

Giancarlo Losano

Un giocatore per tutte le stagioni Dall’esordio del 1979 all’ultima apparizione del 2011, ecco i ricordi delle esperienze alassine del pinerolese Giancarlo Losano, sceso in campo ad Alassio con tante “maglie” diverse. Il suo nome figura tre volte nell’albo...

Albino Cuneo

Albino Cuneo

Agli albori della Targa d’oro Gran colpitore (non a caso denominato il Guglielmo Tell delle bocce), pluridecorato a livello nazionale e internazionale, Albino Cuneo, chiavarese prossimo a compiere 88 anni, ha trionfato in tre delle prime 10 edizioni della...

Mauro Fassone

Mauro Fassone

Fedeltà allo Spiaggia, per non tradire l’amata Targa d’oro Mauro Fassone, vercellese classe 1954, non ha un curriculum ricco come i colleghi già intervistati,eppure ha trionfato tre volte ad Alassio, dove ha debuttato quando era ancora minorenne.Non ha il...

Piero Paletto

Piero Paletto

Paletto, l’artista dell’accosto Il fortissimo puntatore torinese, arrivato anche a disputare più finali iridate (nel 1978 l’Italia perse dalla Francia dopo oltre 7 ore di gioco), ha trionfato tre volte ad Alassio. Nel 1976 fece parte della quadretta...

Giancarlo Selva

Giancarlo Selva

Un tris e un po’ d’amaro... sotto i baffi Per il campione biellese Giancarlo Selva, classe 1936,la Targa d’oro di Alassio, cui ha partecipato una cinquantina di volte da giocatore,è sempre stato un appuntamento imprescindibile. I suoi trionfi risalgano al...

Fabrizio Deregibus

Fabrizio Deregibus

Deregibus ad Alassio, come fare centro al primo colpo Nel 1987, non ancora 21enne, il campione torinese è salito per la prima volta sul gradino più alto del podio della Targa d’oro.Ad oggi i suoi successi sono quattro..."Almeno in una cosa sono pari al...

Nicola Sturla

Nicola Sturla

Quattro successi e una partita di cinque ore… Sono ancora tanti i ricordi (per la maggior parte belli) che il ligure di Lavagna Nicola Sturla, quasi 78enne e 10 titoli mondiali all’attivo, conserva della gara di Alassio. Il periodo d’oro tra il 1973 e il...

Franco Benevene

Franco Benevene

Ad Alassio cinque successi e… mezzo Tutti concentrati tra il 1964 e il 1973 i trionfi del torinese Franco Benevene nella Targa d’oro.E se nel 1979 la finale non fosse stata rinviata e non si fosse infortunato...Il torinese Franco Benevene, classe '42 nel...

Lino Bruzzone

Lino Bruzzone

L’irresistibile attrazione del mancino di Sampierdarena Protagonista ad Alassio dal 1962, con sette successi all’attivo,il campionissimo ligure Lino Bruzzone ha tante belle storie da raccontareNon solo occupa le prime posizioni della hall of fame dei più...

Giuseppe Andreoli

Giuseppe Andreoli

Le bocciate a campanile e le scarpe sbagliate… I curiosi aneddoti dell’astigiano Giuseppe Andreoli, sei volte vincitore ad Alassio, la prima nel 1969 con il mitico GranagliaSui campi di Alassio ha scritto pagine indimenticabili, soprattutto a suon di...

Mario Suini

Mario Suini

Non ho dubbi: “E’ la gara più bella” Dieci trionfi ad Alassio, l’ultimo nel 2015 a 45 anni di distanza dal primo, per il campione ossolano Mario Suini “È sicuramente la gara più bella. Ha un fascino particolare. Io ne ho disputate tante, ma Alassio è...

Arrigo Caudera

Arrigo Caudera

I lucidi ricordi del “recordman” Ad Alassio dodici centri e tanti campioni al fianco del torinese Arrigo Caudera, classe 1926, vittorioso per la prima volta nel 1958In un clima di grandi incertezze legate all'emergenza coronavirus, anche le bocce sono...

Pin It on Pinterest

Share This