Targa d'oro, parola ai protagonisti: Fabrizio Deregibus
09/06/2020

Deregibus ad Alassio, come fare centro al primo colpo

Nel 1987, non ancora 21enne, il campione torinese è salito per la prima volta sul gradino più alto del podio della Targa d’oro.
Ad oggi i suoi successi sono quattro…

Almeno in una cosa sono pari al mitico Nicola Sturla“. Così Fabrizio Deregibus commenta, sorridendo al fatto di avere conquistato quattro volte la Targa d’oro, tante quante il plurititolato fuoriclasse ligure.

PRIMO COLPO – Il torinese, 54 anni a novembre, figlio e nipote d’arte, è forse l’unico ad aver centrato il prestigioso bersaglio alassino al primo colpo. “Proprio così. Era il 1987. L’anno prima – esordisce – avevo vinto il mio primo titolo italiano a coppie di categoria C con Achille Fabbris. Il debutto alassino avvenne con la maglia della SIS di Torino, insieme a Guido Piotto, primo puntatore, all’altro B Vittorio Giorgi, e al più volte campione del mondo Aldo Baroetto. Fu una esperienza indimenticabile. Della gara di Alassio ne avevo sentito parlare ed averla vinta al primo tentativo mi fece dire, ovviamente scherzando:  mi avevano detto che era così difficile vincerla, e invece… Di quella esperienza mi stupì soprattutto la freddezza di Baroetto: un vero campione. Io soffrii un po’ l’emozione della prima volta, ma lui seppe mettermi a mio agio. Ricordo che il sabato sera in piazza Partigiani, con poca luce e in salita, Aldo, sul 12 a 12,  risolse la partita contro Andreoli con la bocciata decisiva sull’ultima riga. La finale contro La Fissa di Pastre, Losano, Pautasso e Bisarello, venne rimandata di un mese a causa dell’ora tarda con cui si conclusero le semifinali. Tra l’altro il sabato sera e la domenica mattina aveva piovuto e nevischiato. Fu una partita strana. Giorgi dovette colpire sei, sette pallini  per risolvere alcune situazioni negative“.

Il primo titolo italiano (cat. B) di Fabrizio Deregibus,
anno 1986, con Achille Fabbris

Deregibus con la maglia della Ferrero

BOSCO MONTI – Dopo il debutto, Deregibus tornò ad Alassio sotto le insegne del Nizza, perdendo nei quarti di finale dalla Bosco Monti, il club di Strambino che lo vide protagonista insieme a Birolo, Novero e Battaglino qualche anno dopo.
“Il primo anno di categoria A – aggiunge Fabrizio – venni ingaggiato dalla Bosco Monti. Con Birolo, Vottero e Novero perdemmo la seconda partita in piazza Partigiani. Ricordo la delusione di patron Bosco. Dell’edizione ’93 rammento invece la sconfitta patita in extremis contro Bra, decisa sul 12 pari. Ci consolammo vincendo la lotteria fra le prime sedici squadre che prevedeva come premio delle biciclette. Nelle edizioni successive non sempre partecipai, e di quando lo feci la memoria non mi assiste. Segno che non si verificarono episodi degni di menzione. Prima di arrivare al secondo successo alassino con una quadretta della Brb, vestii per un anno la maglia della Ferrero“.

EPISODI “La mia seconda Targa, conquistata nel 2002, è legata a numerosi episodi. I miei soci erano Avetta, Trivellin e Bellazzini. Come accadeva spesso si finiva per disputare le finali a tarda sera. Pure quella volta arrivammo a mezzanotte, e il freddo influì sul rendimento generale. Giocammo contro il Gaglianico, che partì subito forte arrivando, mi sembra, sul 10 a 4 a favore. Fortunatamente riuscimmo a recuperare, favoriti anche da qualche errore loro, e chiudemmo sul 13-10.  Quella Targa la conservo orgogliosamente nella mia bacheca, perché, non avendo mai avuto l’opportunità di tenerla fra le mani, chiesi a Bellazzini di poterla vedere, e lui per tutta risposta mi disse: tienila. Di quella edizione in molti tornano sull’episodio dell’incontro con la Ferrero. Ognuno ha espresso il proprio parere. Io posso dire che noi eravamo sofferenti per il punteggio negativo e cercavamo di recuperare terreno. Il nervosismo è salito dopo la richiesta di velocizzare il gioco, nei confronti di Sturla, lento per caratteristica tecnica, e non sicuramente per volontà di danneggiarci. Ma, ripeto, la tensione era alta. Fatto sta che sia io che Nicola siamo stati ammoniti dopo un battibecco. Nel prosieguo è volata qualche parola di troppo e a farne le spese è stato Lino Bruzzone che mi ha affrontato a muso duro, ma non mi ha messo le mani addosso, come forse ha pensato l’arbitro“.

TERZO CENTRO – Dal 2003 Deregibus ha vestito la maglia della Ferrero, per sei anni. Alcuni dei suoi tentativi alassini, prima con Scassa, Pautassi e Ferrero, poi con Grosso, Vottero ee Tamagno, si sono esauriti negli ottavi. Il tris è datato nel 2009 con il Forno di Grivetto, Baudino e Francioli. “E pensare – sottolinea Fabrizio – che potevamo uscire già nella prima partita. Patron Grivetto non stava giocando bene. Dopo un accosto negativo, l’ho guardato male dicendogli: guarda che non ho fatto cinquecento chilometri per perdere. E’ servito. Difficoltà le abbiamo incontrate negli ottavi di finale contro la Beinettese di Amati, Di Nardo e mi sembra, Vottero. La ricordo bene perchè sul punteggio di 8 a 7 ho colpito il pallino per vincere. Di quella gara la partita meno combattuta forse fu proprio la finale contro l’Abg, giocata ad Albenga. Al contrario delle precedenti, sia nei quarti contro la Brb di Macario , che in semifinale contro l’altra Brb, schierante Bellazzini, Pautassi, Birolo e Risso“.

Deregibus in bocciata con la maglia del Forno

Deregibus in fase di accosto, al Palaravizza, con la maglia della Brb

curriculum completo (a cura della redazione di Bocceinvolo.it)

L’ERA BRB  – Appresso è iniziata la lunga avventura con la Brb, che dura tutt’ora. Così come le presenze ad Alassio, non tutte accompagnate da risultati utili, nonostante i favori del pronostico.

“Dopo l’uscita del 2011 negli ottavi – aggiunge Deregibus – per mano della Chiavarese, l’anno successivo avremmo potuto mettere le mani sulla Targa, con Ballabene, Grosso e Bellazzini, davanti al folto e caloroso pubblico del Palaravizza. Una gran bella finale, combattuta e di alto livello. Personalmente avevo reso quasi al cento per cento. Ma la quadretta del Kayl, capitanata da Bresciano, ha vinto con l’ultima boccia di Riviera. Con la stessa quadretta, nel 2015 (edizione in cui è stata introdotto la Targa Rosa, ndr), ci siamo fermati negli ottavi. La domenica mattina abbiamo faticato sui campi dell’Alassina. E l’anno dopo ho fatto poker. Una gara dominata dall’inizio alla fine. Luca Andreoli aveva sostituito Bellazzini. Una finale senza storia, terminata 13-2, contro il Masera Domodossola di Massimo Griva, Mauro Bunino, Pierluigi Cagliero ed Ennio Lorenzina. Al contrario di quella del 2019, giocata con Grosso, Bellazzini e Cagliero, che aveva giocato al posto di Ballabene indisposto, contro il Rumilly. Soltanto contro la Voltrese ci eravamo espressi sottotono; poi eravamo arrivati al confronto con i francesi dopo ottime prestazioni. Della sfida conclusiva mi resta l’amaro in bocca per quella boccia finita fuori che ci avrebbe portato a un punto da loro. Avessi dovuto rigiocarla, l’avrei comunque tirata allo stesso modo“.
Oltre ai quattro trionfi ad Alassio, Deregibus vanta un palmares invidiabile, in cui spiccano due record del mondo, 11 scudetti e 16 titoli italiani.

M.T.

Le altre interviste…

Emanuele Bruzzone

Emanuele Bruzzone

Bruzzone e Alassio, nozze d’argento rinviate... Il debutto di Emanuele, quando era ancora allievo, nel 1990. La prima (e per ora unica) vittoria nel 2011.Il campione varazzino ripercorre le sue molteplici presenze alla Targa d’oroIl quarantaseienne...

Simone Mana

Simone Mana

Un nome, una garanzia Per Simone Mana nel 2013, a 18 anni appena compiuti, il suo primo (e per ora unico) successo nella Targa d’oroDal 2008, quando tredicenne iniziò a frequentare i podi dei campionati italiani con un secondo posto nell'individuale under...

Aldo Macario

Aldo Macario

Macario e Alassio, oltre le nozze d’oro Il campione astigiano è da più di 50 anni protagonista della Targa d’oro. Al suo attivo due indimenticabili vittorieAldo Macario e la Targa d’Oro: una storia che dura (quasi ininterrottamente) dal 1966. Il campione...

Pier Giovanni Grimaldi

Pier Giovanni Grimaldi

Tre vittorie con tre maglie diverse Biellese, Dlf Asti e Gaglianico le maglie che indossava Pier Giovanni Grimaldi, piemontese arrivato alle bocce dopo aver abbandonato il calcio per infortunio, in occasione dei suoi trionfi alassini, tra il 1988 ed il...

Osvaldo Baudino

Osvaldo Baudino

La tripletta dell'uomo di ghiaccio Classe 1957, nativo di Rivarolo Canavese, il "freddo" Osvaldo Baudino ha messo in bacheca tre edizioni della Targa d'oro. L'esordio a fine anni '70, il primo podio nel 1998, i primi due successi nelle edizioni 1999 e...

Giancarlo Losano

Giancarlo Losano

Un giocatore per tutte le stagioni Dall’esordio del 1979 all’ultima apparizione del 2011, ecco i ricordi delle esperienze alassine del pinerolese Giancarlo Losano, sceso in campo ad Alassio con tante “maglie” diverse. Il suo nome figura tre volte nell’albo...

Albino Cuneo

Albino Cuneo

Agli albori della Targa d’oro Gran colpitore (non a caso denominato il Guglielmo Tell delle bocce), pluridecorato a livello nazionale e internazionale, Albino Cuneo, chiavarese prossimo a compiere 88 anni, ha trionfato in tre delle prime 10 edizioni della...

Mauro Fassone

Mauro Fassone

Fedeltà allo Spiaggia, per non tradire l’amata Targa d’oro Mauro Fassone, vercellese classe 1954, non ha un curriculum ricco come i colleghi già intervistati,eppure ha trionfato tre volte ad Alassio, dove ha debuttato quando era ancora minorenne.Non ha il...

Piero Paletto

Piero Paletto

Paletto, l’artista dell’accosto Il fortissimo puntatore torinese, arrivato anche a disputare più finali iridate (nel 1978 l’Italia perse dalla Francia dopo oltre 7 ore di gioco), ha trionfato tre volte ad Alassio. Nel 1976 fece parte della quadretta...

Giancarlo Selva

Giancarlo Selva

Un tris e un po’ d’amaro... sotto i baffi Per il campione biellese Giancarlo Selva, classe 1936,la Targa d’oro di Alassio, cui ha partecipato una cinquantina di volte da giocatore,è sempre stato un appuntamento imprescindibile. I suoi trionfi risalgano al...

Nicola Sturla

Nicola Sturla

Quattro successi e una partita di cinque ore… Sono ancora tanti i ricordi (per la maggior parte belli) che il ligure di Lavagna Nicola Sturla, quasi 78enne e 10 titoli mondiali all’attivo, conserva della gara di Alassio. Il periodo d’oro tra il 1973 e il...

Carlo Ballabene

Carlo Ballabene

Il poker del Principe L’atleta di Santa Margherita Ligure, da qualche anno in forza alla Brb Ivrea, è uno dei più “ricercati” dal pubblico di Alassio,dove ha esordito a soli 18 anni, con la maglia dell’Ardita.Quattro volte ha chiuso la Targa d’oro senza...

Franco Benevene

Franco Benevene

Ad Alassio cinque successi e… mezzo Tutti concentrati tra il 1964 e il 1973 i trionfi del torinese Franco Benevene nella Targa d’oro.E se nel 1979 la finale non fosse stata rinviata e non si fosse infortunato...Il torinese Franco Benevene, classe '42 nel...

Lino Bruzzone

Lino Bruzzone

L’irresistibile attrazione del mancino di Sampierdarena Protagonista ad Alassio dal 1962, con sette successi all’attivo,il campionissimo ligure Lino Bruzzone ha tante belle storie da raccontareNon solo occupa le prime posizioni della hall of fame dei più...

Giuseppe Andreoli

Giuseppe Andreoli

Le bocciate a campanile e le scarpe sbagliate… I curiosi aneddoti dell’astigiano Giuseppe Andreoli, sei volte vincitore ad Alassio, la prima nel 1969 con il mitico GranagliaSui campi di Alassio ha scritto pagine indimenticabili, soprattutto a suon di...

Mario Suini

Mario Suini

Non ho dubbi: “E’ la gara più bella” Dieci trionfi ad Alassio, l’ultimo nel 2015 a 45 anni di distanza dal primo, per il campione ossolano Mario Suini “È sicuramente la gara più bella. Ha un fascino particolare. Io ne ho disputate tante, ma Alassio è...

Arrigo Caudera

Arrigo Caudera

I lucidi ricordi del “recordman” Ad Alassio dodici centri e tanti campioni al fianco del torinese Arrigo Caudera, classe 1926, vittorioso per la prima volta nel 1958In un clima di grandi incertezze legate all'emergenza coronavirus, anche le bocce sono...

Pin It on Pinterest

Share This