Targa d'oro, parola ai protagonisti: Giancarlo Losano
14/07/2020

Un giocatore per tutte le stagioni

Dall’esordio del 1979 all’ultima apparizione del 2011, ecco i ricordi delle esperienze alassine del pinerolese Giancarlo Losano, sceso in campo ad Alassio con tante “maglie” diverse. Il suo nome figura tre volte nell’albo d’oro della Targa d’oro.

Pinerolese, classe 1945, ha iniziato tardi a frequentare il club esclusivo delle grandi firme delle bocce. Per Giancarlo Losano, al contrario di molti coetanei, le porte dei primi significativi successi si sono spalancate alla fine degli anni ottanta, quando si è fregiato del primo dei sette titoli italiani, conquistati in tutte le specialità,  e dei due ori europei di Pazin e Montpellier, per poi vestire prestigiose maglie, come quelle della Chiavarese, della Tubosider e della Ferrero.

Lui appartiene al novero di coloro che la Targa d’Oro l’hanno conquistata tre volte.

LA PRIMA SODDISFAZIONE “Faccio fatica – esordisce Losano – a ricordare con chi scesi in campo la prima volta ad Alassio, ma di sicuro erano tre giocatori di categoria B ed esordii sotto le insegne del Mossetto. Era l’edizione del 1979. Un caldo impietoso. Non so se era la seconda partita quando ci estromisero, però li impegnammo parecchio perchè non essendoci il limite di tempo, finimmo il sabato pomeriggio. Tre edizioni dopo mi tolsi la prima soddisfazione. Entrare nell’albo d’oro della gara più bella, insieme ai nomi dei giocatori più famosi. Con i soci Beraldo, Spinello e Cuzzolin, per i colori della Biellese, battemmo la quadretta di Baldo (la Cesare Colombo di Torino con Micheletta, Tonietta e Fenocchio, ndr). Fu un incontro poco contrastato“.

L’inconfondibile stile di Losano sui campi del Palaravizza

Le successive esperienze alassine furono vissute da Losano con la maglia della torinese La Fissa, ma non portarono grossi risultati, se non nel 1987.

CERTI SEGNALI – “Quella – dice Giancarlo – fu un’edizione particolare. I miei soci erano Bisarello, Pastre e Pautasso. Quanto avvenuto negli incontri  precedenti alla finale avevano fatto presagire un nuovo successo. Nelle bocce certi segnali sono eloquenti. Infatti sia nei quarti di finale che in semifinale fummo protagonisti di due rimonte strepitose. Contro la formazione di Selva, se non sbaglio la Coalto, eravamo sotto di brutto. Loro erano a un passo dalla vittoria, noi con un paio di punti. Eppure la spuntammo 13 a 11. Anche nel confronto successivo, contro la Madonna del Pilone, i nostri avversari , di cui rammento solo Enzo Granaglia e Trucco, partirono a spron battuto e in tre giocate ci misero quasi al tappeto, arrivando poi sull’11 a 3. Quando ci considerarono ormai morti, trovammo due giocate fantastiche e li agguantammo. Sull’undici pari crollarono psicologicamente. Purtroppo in finale non riuscimmo a ripetere quanto di buono avevamo espresso nelle sfide precedenti e fummo costretti ad arrenderci alla Sis del giovane Deregibus. Nelle due partecipazioni del 1988 e 1989, sempre con La Fissa, ci fermarono prima. Con gli stessi soci dell’anno precedente fummo sconfitti nei quarti di finale dalla Biellese di Clerico, mentre con Avetta, Pastre e Pautasso, nonostante ci avessero etichettato fra le quadrette favorite al successo finale, perdemmo quasi subito da una formazione genovese, mi sembra di Bolzaneto, con Risso, Littardi, Quaggia e l’altro Bruzzone, non Lino (Aurelio, ndr). Una partita strana, giocata punto su punto. Io colpii parecchio, ma non ci fu verso di invertire la rotta“.

ERA CHIAVARESE – Per Giancarlo Losano il 1990 non solo fu l’anno del secondo alloro europeo, ma anche quello del passaggio alla Chiavarese, il club che gli diede di più in termini di soddisfazioni sportive e con cui vinse il primo dei cinque scudetti di serie A della sua carriera più tre Coppe Europa. E arrivò la seconda Targa d’Oro…

“A Chiavari – sottolinea Losano – ho trovato una bellissima realtà. Con Carlo Pastre e Pierin Pautasso, pure loro appena ingaggiati, insieme a Lino Bruzzone, ho vinto la mia seconda gara alassina. In finale abbiamo dato cappotto alla Sis di Caudera; c’erano anche Aghem, Bellotti e Radice. L’anno successivo ci ho riprovato. Stavolta con Caudera, Pastre e Suini. Non è andata com’era nelle premesse. Nei quarti di finale ci ha fermato il Nizza con un quasi cappotto. Abbiamo fatto un punto. Era la quadretta che ha poi vinto la gara, con Piero Amerio, Avetta, Mometto e Negro”.

Un’esperienza, quella con la Chiavarese, conclusa nel 1993.

Losano, a fianco di Paletto, versione Europeo 1990

Losano, con Suini, Caudera e Pastre, ad Alassio nel 1991

Losano campione italiano a coppie nel 2003

UNA FORMAZIONE PARTICOLARE  “La stagione successiva ho vestito la maglia della Tubosider e, dopo un paio di tentativi, sono riuscito a mettere le mani sulla terza Targa con una formazione un po’ particolare, composta, oltre che da me, dal diciottenne Basilietti, che esordì alla grande con una bella serie di bocciate, da Vottero e patron Ruscalla. A dispetto dei pronostici che ci volevano in finale vittime della Ferrero, vincemmo con largo margine contro Amerio, Cericola, Salvai e Baldo. Quest’ultimo perse diverse finali contro di me ed ogni volta me lo ricordava“.

Sotto le insegne della società astigiana Losano ha militato per nove anni, fra alti e bassi. Ad Alassio, nel 2002, si è presentato con una formazione che avrebbe dovuto arrivare al match conclusivo.

“Invece – aggiunge Giancarlo – nonostante ci dessero per favoriti, abbiamo trovato disco rosso nei quarti di finale. Con me c’erano Ruscalla, Amerio e Mandola. Abbiamo dovuto cedere malamente alla quadretta del Gaglianico di Lucente, Selva, e non ricordo gli altri due (Revello e Ramasco, ndr). Dopo Asti ho voluto provare l’esperienza di giocare in Francia. E’ durata dal 2004 al 2009. Al rientro ho giocato ancora un paio di volte ad Alassio. Nel 2010 ho accettato l’invito della Nitri Aosta. Stavolta Baldo era mia socio di quadretta insieme ai valdostani Contoz e Ducourtil. Abbiamo perso nei quarti di finale da quattro liguri, mi sembra della Fontanabuona. L’ultima apparizione l’anno successivo, per i colori della Chiavarese, ma con scarso esito. Avevo già qualche problemino fisico, tant’è che nel 2012 sono stato operato e da allora non ho più fatto il cartellino. Ora gioco soltanto per diletto, con gli amici, sui campi della Veloce Club“.  A Pinerolo, s’intende.

M.T.

curriculum completo (a cura della redazione di Bocceinvolo.it)

Le altre interviste…

Emanuele Bruzzone

Emanuele Bruzzone

Bruzzone e Alassio, nozze d’argento rinviate... Il debutto di Emanuele, quando era ancora allievo, nel 1990. La prima (e per ora unica) vittoria nel 2011.Il campione varazzino ripercorre le sue molteplici presenze alla Targa d’oroIl quarantaseienne...

Simone Mana

Simone Mana

Un nome, una garanzia Per Simone Mana nel 2013, a 18 anni appena compiuti, il suo primo (e per ora unico) successo nella Targa d’oroDal 2008, quando tredicenne iniziò a frequentare i podi dei campionati italiani con un secondo posto nell'individuale under...

Aldo Macario

Aldo Macario

Macario e Alassio, oltre le nozze d’oro Il campione astigiano è da più di 50 anni protagonista della Targa d’oro. Al suo attivo due indimenticabili vittorieAldo Macario e la Targa d’Oro: una storia che dura (quasi ininterrottamente) dal 1966. Il campione...

Pier Giovanni Grimaldi

Pier Giovanni Grimaldi

Tre vittorie con tre maglie diverse Biellese, Dlf Asti e Gaglianico le maglie che indossava Pier Giovanni Grimaldi, piemontese arrivato alle bocce dopo aver abbandonato il calcio per infortunio, in occasione dei suoi trionfi alassini, tra il 1988 ed il...

Osvaldo Baudino

Osvaldo Baudino

La tripletta dell'uomo di ghiaccio Classe 1957, nativo di Rivarolo Canavese, il "freddo" Osvaldo Baudino ha messo in bacheca tre edizioni della Targa d'oro. L'esordio a fine anni '70, il primo podio nel 1998, i primi due successi nelle edizioni 1999 e...

Albino Cuneo

Albino Cuneo

Agli albori della Targa d’oro Gran colpitore (non a caso denominato il Guglielmo Tell delle bocce), pluridecorato a livello nazionale e internazionale, Albino Cuneo, chiavarese prossimo a compiere 88 anni, ha trionfato in tre delle prime 10 edizioni della...

Mauro Fassone

Mauro Fassone

Fedeltà allo Spiaggia, per non tradire l’amata Targa d’oro Mauro Fassone, vercellese classe 1954, non ha un curriculum ricco come i colleghi già intervistati,eppure ha trionfato tre volte ad Alassio, dove ha debuttato quando era ancora minorenne.Non ha il...

Piero Paletto

Piero Paletto

Paletto, l’artista dell’accosto Il fortissimo puntatore torinese, arrivato anche a disputare più finali iridate (nel 1978 l’Italia perse dalla Francia dopo oltre 7 ore di gioco), ha trionfato tre volte ad Alassio. Nel 1976 fece parte della quadretta...

Giancarlo Selva

Giancarlo Selva

Un tris e un po’ d’amaro... sotto i baffi Per il campione biellese Giancarlo Selva, classe 1936,la Targa d’oro di Alassio, cui ha partecipato una cinquantina di volte da giocatore,è sempre stato un appuntamento imprescindibile. I suoi trionfi risalgano al...

Fabrizio Deregibus

Fabrizio Deregibus

Deregibus ad Alassio, come fare centro al primo colpo Nel 1987, non ancora 21enne, il campione torinese è salito per la prima volta sul gradino più alto del podio della Targa d’oro.Ad oggi i suoi successi sono quattro..."Almeno in una cosa sono pari al...

Nicola Sturla

Nicola Sturla

Quattro successi e una partita di cinque ore… Sono ancora tanti i ricordi (per la maggior parte belli) che il ligure di Lavagna Nicola Sturla, quasi 78enne e 10 titoli mondiali all’attivo, conserva della gara di Alassio. Il periodo d’oro tra il 1973 e il...

Carlo Ballabene

Carlo Ballabene

Il poker del Principe L’atleta di Santa Margherita Ligure, da qualche anno in forza alla Brb Ivrea, è uno dei più “ricercati” dal pubblico di Alassio,dove ha esordito a soli 18 anni, con la maglia dell’Ardita.Quattro volte ha chiuso la Targa d’oro senza...

Franco Benevene

Franco Benevene

Ad Alassio cinque successi e… mezzo Tutti concentrati tra il 1964 e il 1973 i trionfi del torinese Franco Benevene nella Targa d’oro.E se nel 1979 la finale non fosse stata rinviata e non si fosse infortunato...Il torinese Franco Benevene, classe '42 nel...

Lino Bruzzone

Lino Bruzzone

L’irresistibile attrazione del mancino di Sampierdarena Protagonista ad Alassio dal 1962, con sette successi all’attivo,il campionissimo ligure Lino Bruzzone ha tante belle storie da raccontareNon solo occupa le prime posizioni della hall of fame dei più...

Giuseppe Andreoli

Giuseppe Andreoli

Le bocciate a campanile e le scarpe sbagliate… I curiosi aneddoti dell’astigiano Giuseppe Andreoli, sei volte vincitore ad Alassio, la prima nel 1969 con il mitico GranagliaSui campi di Alassio ha scritto pagine indimenticabili, soprattutto a suon di...

Mario Suini

Mario Suini

Non ho dubbi: “E’ la gara più bella” Dieci trionfi ad Alassio, l’ultimo nel 2015 a 45 anni di distanza dal primo, per il campione ossolano Mario Suini “È sicuramente la gara più bella. Ha un fascino particolare. Io ne ho disputate tante, ma Alassio è...

Arrigo Caudera

Arrigo Caudera

I lucidi ricordi del “recordman” Ad Alassio dodici centri e tanti campioni al fianco del torinese Arrigo Caudera, classe 1926, vittorioso per la prima volta nel 1958In un clima di grandi incertezze legate all'emergenza coronavirus, anche le bocce sono...

Pin It on Pinterest

Share This