Targa d'oro, parola ai protagonisti: Nicola Sturla
02/06/2020

Quattro successi e una partita di cinque ore…

Sono ancora tanti i ricordi (per la maggior parte belli) che il ligure di Lavagna Nicola Sturla, quasi 78enne e 10 titoli mondiali all’attivo, conserva della gara di Alassio. Il periodo d’oro tra il 1973 e il 1978: un tris con i colori torinesi della Pianelli Traversa.

E’ stato paragonato al grande Umberto Granaglia, e il suo strepitoso curriculum non ha nulla da invidiare al torinese. Anche perchè la carriera del mitico Nicola Sturla, 78 anni a fine luglio, lavagnese dalla classe cristallina, ha attraversato due epoche boccistiche segnate da molti cambiamenti. Nella sua bacheca ci sono quattro Targhe d’Oro e una trentina di partecipazioni. Dieci medaglie d’oro mondiali al suo attivo, a conferma che è più facile vincere un titolo iridato che terminare la gara di Alassio imbattuti.

ANDREA DORIA – “Alla Targa d’oro – esordisce Sturla – ho partecipato per la prima volta nel 1967. Lo rammento bene perché in quella stagione mi promossero A e  l’anno successivo vinsi il mio primo Mondiale, a Torino. Ero ancora categoria B, e non avendo la Chiavarese l’opportunità di fare una quadretta, accettai l’invito dell’Andrea Doria. Dei miei soci ricordo soltanto Canepa, soprannominato Billo. Non facemmo molta strada. L’edizione successiva giocai per la Chiavarese insieme a tre grandi: Cuneo, Rivano e Cavalli, ma ci fermarono prima del podio. Appresso venni ingaggiato dalla Doria. In quei quattro anni, l’unica volta che riuscii ad entrare nelle quattro, fu la seconda, mi sembra il ’70. Di sicuro nella quadretta c’era Pisano. Non ricordo gli altri due. Perdemmo di brutto dalla formazione di Suini e Benevene. Con l’Andrea Doria ci riprovammo le due edizioni successive. Stavolta oltre a Pisano sono certo ci fossero Anulare e Dentone, ma finimmo, se non erro, nelle otto”.

Fu il trasferimento nella mitica Pianelli Traversa a consentire a Nicola di esprimersi ai massimi livelli e di vivere le migliori stagioni alassine, culminate nella conquista di tre Targhe.

Nicola Sturla con la maglia della Chiavarese

La quadretta vincitrice dell’edizione 1974: Paletto, Suini, Sturla, Andreoli

LA PRIMA – “Indossai quella maglia – sottolinea Sturla –  dal 1973 al 1978. E proprio il primo anno ebbi modo di giocare ad Alassio con Granaglia. Ci fermò la quadretta della Rivodorese, che aveva ingaggiato il mondiale Cheviet, sulla soglia della semifinale. La conquista della mia prima Targa avvenne in occasione dell’edizione successiva. I miei soci erano Andreoli, Paletto e Suini. Ce la fecero sudare parecchio. Sia in semifinale, contro la Lancia di Aghem, sia nella sfida conclusiva contro quattro fuoriclasse come i genovesi Gaggero, Ghio e Longo, insieme al più giovane Notti. So soltanto che andammo ai 15 e, nonostante loro non avessero fatto molti punti, ci costrinsero ad esprimerci al massimo. Il bis si concretò due stagioni dopo. C’era Clerico al posto di Paletto. Pure stavolta si rivelò decisivo il successo in semifinale ai danni della favorita Lancia di Lino Bruzzone. In finale ci toccò una formazione, mi sembra di Asti, assai determinata. Non vorrei sbagliarmi, ma di là c’erano Bonadio e Fenocchio.

Ci vollero diversi annulli sul pallino, sia miei che di Andreoli, per salvare alcune giocate pericolose. L’anno dopo, rientrò Paletto. Per la terza volta trovammo sulla nostra strada ancora la Lancia, ma anziché in semifinale, nell’ultimo confronto. Ricordo bene che la finale venne rinviata a un mese dopo, alla vigilia di Pasqua. Fu una delle partite più combattute. Nonostante lo spostamento c’era parecchia gente ad assistere. Tutti e otto abbiamo giocato ad alto livello. Di là, Bruzzone, Granaglia. Macocco e Tamagno, ci hanno dato del filo da torcere. L’unica cosa che non ricordo è il punteggio finale: 15 a …“.

Dopo la tripletta vincente, le presenze ad Alassio di Sturla, sono avvenute per alcune stagioni con le maglie della Lancia e della genovese Abg. Ma per rivedere Nicola sfiorare il successo alassino occorre attendere il periodo sotto le insegne della Cristoforo Colombo.

CINQUE ORE – “Per due anni di seguito – aggiunge “Nico” – mi sono dovuto arrendere in semifinale. Il primo, se non vado errato il 1984, perdemmo dalla quadretta che poi vinse la Targa, ma di quella edizione resta indelebile la partita di cinque ore contro la Ciriacese di Selva. Sul punteggio di 12 a pochi, forse 2 o 3, probabilmente ci ha tradito la convinzione di avere già vinto, e loro, a forza di pallini e qualche punticino, sono arrivati sul 12 pari, per poi perdere nella giocata successiva. La stagione dopo, sempre con Notti e Bozzano, ma con Bruzzone al posto di Andreoli, siamo stati puniti proprio da Beppe che era passato al Nizza. Letteralmente scatenato, ha trascinato i suoi alla disputa della finale. Dopo l’ultimo tentativo con la maglia della Colombo, finito mi sembra nei quarti di finale, c’è stata la parentesi con la Bolzanetese. Siamo andati ad Alassio con una quadretta tutta ligure, con Bruzzone, Bruni e Giribone. E qui i ricordi non sono tanto legati alla mia quarta Targa, ma a come ci siamo arrivati. Intanto partendo dal cappotto rifilato alla quadretta di Suini e Caudera in quattro giocate, per proseguire con la partita dei quarti contro la formazione di Baldo. Sul 9 pari a fine tempo regolamentare, con una bocciata ho lasciato due punti in terra per noi e loro , dopo aver colpito, con l’ultima boccia non sono riusciti a togliere punto. E non sono mancati i brividi pure in finale con la Barbero di Dallolmo. Sotto per 1-6, abbiamo dovuto faticare per recuperare, ma li abbiamo lasciati a 6″.

CHIAVARESE – La lunga stagione con la Chiavarese iniziata nel 1990 non è stata proficua per Sturla, gara di Alassio parlando. Nelle due quadrette che portarono al  successo il club tigullino nel ’92 e ’93, Nicola non poté essere presente. Così come in quella della Ferrero nel 2003. Le esperienze del 2001 e 2002 con quella divisa,  si esaurirono nei quarti e negli ottavi, sempre contro la Brb.

Quella del 2002 – aggiunge Nicola – mi lasciò un po’ di amaro in bocca  Dopo l’espulsione di Lino, non me la sentii di restare in campo. Sbollita la rabbia, e visto che Ballabene era riuscito a mantenere il pareggio a suon di annulli sul pallino, rientrai in campo, ma fummo costretti a cedere. Da allora la gara di Alassio divenne per me dispendiosa fisicamente e decisi di  chiudere quella che resta pur sempre una bella e affascinante avventura…“.

M.T.

Sturla con la maglia dell’Italia

curriculum completo (a cura della redazione di Bocceinvolo.it)

Le altre interviste…

Mauro Fassone

Mauro Fassone

Fedeltà allo Spiaggia, per non tradire l’amata Targa d’oro Mauro Fassone, vercellese classe 1954, non ha un curriculum ricco come i colleghi già intervistati,eppure ha trionfato tre volte ad Alassio, dove ha debuttato quando era ancora minorenne.Non ha il...

Piero Paletto

Piero Paletto

Paletto, l’artista dell’accosto Il fortissimo puntatore torinese, arrivato anche a disputare più finali iridate (nel 1978 l’Italia perse dalla Francia dopo oltre 7 ore di gioco), ha trionfato tre volte ad Alassio. Nel 1976 fece parte della quadretta...

Giancarlo Selva

Giancarlo Selva

Un tris e un po’ d’amaro... sotto i baffi Per il campione biellese Giancarlo Selva, classe 1936,la Targa d’oro di Alassio, cui ha partecipato una cinquantina di volte da giocatore,è sempre stato un appuntamento imprescindibile. I suoi trionfi risalgano al...

Fabrizio Deregibus

Fabrizio Deregibus

Deregibus ad Alassio, come fare centro al primo colpo Nel 1987, non ancora 21enne, il campione torinese è salito per la prima volta sul gradino più alto del podio della Targa d’oro.Ad oggi i suoi successi sono quattro..."Almeno in una cosa sono pari al...

Carlo Ballabene

Carlo Ballabene

Il poker del Principe L’atleta di Santa Margherita Ligure, da qualche anno in forza alla Brb Ivrea, è uno dei più “ricercati” dal pubblico di Alassio,dove ha esordito a soli 18 anni, con la maglia dell’Ardita.Quattro volte ha chiuso la Targa d’oro senza...

Franco Benevene

Franco Benevene

Ad Alassio cinque successi e… mezzo Tutti concentrati tra il 1964 e il 1973 i trionfi del torinese Franco Benevene nella Targa d’oro.E se nel 1979 la finale non fosse stata rinviata e non si fosse infortunato...Il torinese Franco Benevene, classe '42 nel...

Lino Bruzzone

Lino Bruzzone

L’irresistibile attrazione del mancino di Sampierdarena Protagonista ad Alassio dal 1962, con sette successi all’attivo,il campionissimo ligure Lino Bruzzone ha tante belle storie da raccontareNon solo occupa le prime posizioni della hall of fame dei più...

Giuseppe Andreoli

Giuseppe Andreoli

Le bocciate a campanile e le scarpe sbagliate… I curiosi aneddoti dell’astigiano Giuseppe Andreoli, sei volte vincitore ad Alassio, la prima nel 1969 con il mitico GranagliaSui campi di Alassio ha scritto pagine indimenticabili, soprattutto a suon di...

Mario Suini

Mario Suini

Non ho dubbi: “E’ la gara più bella” Dieci trionfi ad Alassio, l’ultimo nel 2015 a 45 anni di distanza dal primo, per il campione ossolano Mario Suini “È sicuramente la gara più bella. Ha un fascino particolare. Io ne ho disputate tante, ma Alassio è...

Arrigo Caudera

Arrigo Caudera

I lucidi ricordi del “recordman” Ad Alassio dodici centri e tanti campioni al fianco del torinese Arrigo Caudera, classe 1926, vittorioso per la prima volta nel 1958In un clima di grandi incertezze legate all'emergenza coronavirus, anche le bocce sono...

Pin It on Pinterest

Share This